GIUSTIZIA X JANKO LUI VOLEVA VIVERE FACCIAMO CONDANNARE CHIARA NOTARISTEFANO X CHI DESIDERA AIUTARMI MI CONTATTI IN PV

QUESTO EVENTO NASCE X DARE GIUSTIZIA AD JANKO UN PITBULL ADOTTATO IN LOMBARDIA E' MORTO DURANTE LA STAFFETTA DEL 22 LUGLIO X COLPA DELLA STAFFETTISTA CHIARA NOTARISTEFANO E DEL SUO ENTOURAGE DI VOLONTARIE FERITO GRAVEMENTE E POI INVECE DI LASCIARLO RICOVERATO PRESSO LA CLINICA VETERINARIA E' STATO NUOVAMENTE

CARICATO SUL FURGONE ED E' MORTO SULLA STRADA A VIBO VALENTIA. ALLEGO TESTO DAL PROFILO FB DELLA STAFFETTISTA DATATO 24 LUGLIO 2014:
Direi che come al solito si sta esagerando e dando largo spazio alle fantasie e alla cattiveria,i fatti sono i seguenti,poi ognuno faccia le proprie considerazioni.Il pit bull Janko esce dal canile lagher di Caltanissetta x essere dato in adozione in Lombardia, cane buonissimo di carattere con gli umani,aggressivo vs i suoi simili,malato di leishmania e sotto cura con cortisone e medicinali specifici x qs malattia.Martedi' matt ore 8,30 il cane sale sul mio furgone e viene posizionato in una gabbia con la porta rinforzata e partiamo da Gela, alle 9,30 sono ad Agrigento x far salire altri cani, apro lo sportello del furgone e il cane si lancia con un balzo fuori, se non lo avessi preso al volo x il collare sarebbe uscito libero in mezzo ai cani che attendevano di salire, riprendo il cane kg.35 ca,lo rimetto nella gabbia e rinforzo la chiusura con i moschettoni dei guinzagli, come potete vedere nelle foto che ho scattato x documentare quanto stesse accadendo.....Riparto e dopo mezz'ora arrivo a Porto Empedocle a casa delle volontarie che deve far salire i cani,apro lo sportello e trovo nuovamente il cane libero, la porta della gabbia divelta su di un lato e il cane sanguinante sul pavimento, lo prendo e lo metto nella gabbia di nuovo, intanto noto che sanguina copiosamente dalla bocca, cerchiamo di capire da dove precisamente, nel frattempo chiamo la volontaria che me lo ha affidato e chiedo che cosa dovessi fare se riportarlo indietro o sedarlo x calmarlo, dietro consulto con il vet di fiducia si decide di calmarlo con il killitam e seguendo le istruzioni eseguo, il cane si calma ma continua a sanguinare..... Richiamo la volontaria e chiedo di venire a prendere il cane che non puo' viaggiare in quella situazione, mi risponde che sarebbe un grosso problema se qs cane nn dovesse partire perché sarebbe tornato al canile da cui proveniva, si decide di portarlo in clinica vet ad Agrigento e cosi faccio, alla clinica il cane entra camminando, viene posto sul lettino, messo ago e canula vengono somministrati dei farmaci x via endovenosa di cui non conosco la funzione, avviso il vet che me ne sto andando x proseguire e mi risponde che il cane non puo' stare li in ogni caso,successivamente dietro rassicurazione del pagamento della degenza si convince, ispeziona la bocca del cane ed applica 4 punti di sutura sul fondo della lingua, alla domanda il cane puo' partire la risposta è stata: tra una settimana quando toglie i punti oppure viaggia con museruola perché nn si tolga i punti...... ma comunque rischioso..... io decido di andarmene e firmo il foglio x la responsabilità del cane e delle spese del vet, prima di andarmene parlo con il volontario referente e oltre alle considerazioni sanitarie si pensa anche alla questione adozione; non farlo partire potrebbe voler dire perdere l'adozione e per un cane cosi' è un opportunità che cambia la vita e quando l'attimo è fuggente bisogna essere veloci nell'afferarlo......L'idea di riportarlo a Caltanissetta fa gelare gli animi di tutti..... Decido di portare il cane anche perché la ferita non era grave ed il cane dormiva, il vet mi dice che potrebbe dormire x ore ...... E se si dovesse svegliare potevo somministrare fino al doppio del quantitativo di calmante già somministrato, Dipende dal soggetto, carichiamo Janko che dormiva profondamente con la museruola ben posizionata e vado a Palermo, apro il furgone e trovo il cane nuovamente fuori dalla gabbia, semi vigile, lo rimetto nella gabbia ed inizia ad agitarsi e tentare di prendere le sbarre..... Allora gli somministro 1/4 della dose datami dal vet con l'intendimento di lasciarlo vigile ma innocuo, la volontaria presente mi aiuta a legare la porta con una corda e parto...... arrivo a Sant'Agata di Militello il cane è sveglio ha sete,gli apro la museruola e gli do l'acqua con la bottiglia con l'aiuto della volontaria, il cane beve e si rilassa ....... Sarà l'ultima volta in cui lo vedrò vivo...... Passo lo stretto, arrivo a Vibo Valentia, due ore dopo, circa forse tre apro il furgone e Janko non respira più!!!!!! Sono le 20,30 ca di Martedi' sera...... Alle 23,00 lascio Janko a Sellia Marina CZ da una volontaria.
PREMESSE: PUNTO 1° MI CHIEDO SE LA GABBIA ERA DI CARTONE OPPURE NON A NORMA CHI E' NEL VOLONTARIATO SA BENE QUALI SONO LE GABBIE A NORMA SONO DI FERRO CON CHIUSURA SICURA,PUNTO 2° LA STAFFETTISTA E' COLEI CHE HA ORGANIZZATO IL TUTTO HA PRESO ANCHE UN COMPENSO X QUESTO ED AVEVA LA RESPONSABILITA' TOTALE DEI CANI CHE TRASPORTAVA,PUNTO 3° MI CHIEDO E' STATA FATTA UNA VISITA DI CONTROLLO CON LE ANALISI DEL SANGUE IN DETTAGLIO X CONSTATARE LE CONDIZIONI DEL CANE PRIMA DI PARTIRE?????????? PUNTO 4° VEDENDO CHE IL CANE SOFFRIVA IL VIAGGIO GIA' ALL'INIZIO NON ERA MEGLIO STALLARLO DA UNA VOLONTARIA X TRANQUILLIZARLO UNA QUINDICINA DI GIORNI E POI FARLO PARTIRE CON L'AEREO IN TOTALE SICUREZZA E SERENITA'????? PER LA SIGNORA CHIARA NOTARISTEFANO ERA SOLO UNO DEI TANTI CANI FONTE DI GUADAGNO X ME COME X MOLTI DI VOI ERA UN FRATELLO!!!!!!!!!!

▼ Show More Information

adress is not specified
31 December , Thursday 00:00